Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
GLOBAL.overblog.com

Soluzioni per il risparmio energetico

8 Febbraio 2013 , Scritto da Dess D'Angelo Gianni Con tag #servizi, #impianti

Spesso ci creiamo confusione pensando ad impianti di riscaldamento ipertecnologici o a soluzioni quasi fantascientifiche per risparmiare energia, ma la soluzione è molto più semplice di quella che possiamo pensare, e non è affatto una novità.

L'isolamento

Per risparmiare energia dobbiamo ben isolare i locali.

E' da tenere presente che solo con un isolamento ben realizzato, possiamo risparmiare la maggior parte dell'energia necessaria al riscaldamento, con la ovvia conseguenza della riduzione, a volte drastica, dei consumi a cui siamo normalmente abituati ad affrontare; Non è utopia, ma sono esperienze oramai consolidate, che non sarebbero nemmeno da definire “innovazioni”, ma semplicemente “applicazioni”.

Indubbiamente la posizione dei locali, l'orientamento nonché la scelta di un impianto adatto e l'utilizzo di tecnologie di risparmio energetico è importante, ma il fattore principale rimarrà sempre e indubbiamente l'isolamento termico delle strutture.

Effettuare un impianto tecnologicamente all'avanguardia in un ambiente male isolato è di gran lunga peggiore di un ambiente ben isolato ed un impianto scadente. C'è da dire che se oltre all'isolamento realizzassimo anche un “buon” impianto, in questo caso i risultati sarebbero stupefacenti.

Nelle cosiddette “case passive”, poche centinaia di watt, equivalenti a due o tre lampadine accese, sono più che sufficienti a scaldare i locali nel periodo invernale.

Impianto di riscaldamento

Per quanto riguarda gli impianti di riscaldamento, ci sono infiniti sistemi e tipologie realizzative che devono essere studiate e valutate, possibilmente cercando di vedere al di là degli schemi canonici del tradizionale, in modo da riuscire a capire quali tecnologie si possono utilizzare per il nostro scopo.

Per ogni tipologia di impianto, dobbiamo soppesare l'effettivo vantaggio suddiviso in cinque punti di valutazione importanti che sono:

Il costo di realizzazione

Se il costo di realizzazione è elevatissimo, anche se i benefici sono importanti, dobbiamo sempre considerare i tempi di ammortamento; Il tempo di ammortamento non dovrebbe mai superare la vita minima di un impianto, 10 anni (un impianto ben conservato ne dura molti di più).

ll benessere

Ogni tipologia di impianto ci garantisce gradi diversi di benessere, proprio in base alla soluzione tecnologica scelta.

L'impianto di riscaldamento non è da considerarsi come un prodotto qualsiasi ma una soluzione tecnologica che spesso ci accompagna per tutta la vita; In virtù di questo fare economicità sull'impianto stesso equivale a fare economicità sul nostro benessere.

I consumi

Il nostro impianto deve essere “risparmioso” perché sappiamo che l'investimento iniziale è “una tantum” diversamente i consumi che sono per sempre, e proprio per questo è importante valutare i consumi prima di effettuare la scelta dell'impianto ideale.

La manutenzione

La manutenzione è davvero importante. Molte volte ci vengono proposti impianti complessi, dei quali vengono volontariamente indicati solo i benefici ma mai nessuno ci parla dei costi di manutenzione. Per esempio, la domotica, molto bella e funzionale in teoria, oltre ad avere un costo elevato di realizzazione richiede anche manutenzione altamente specializzata che cosa molto danaro. Questo, come altre soluzioni, sono da valutare attentamente in modo da evitare brutte sorprese e pentirsene quando non è più possibile tornare indietro.

Semplicità di utilizzo

La semplicità di utilizzo è fondamentale. Talvolta anche agire su un semplice cronotermostato è operazione non semplice per tutti, quindi, se faremo realizzare un impianto complesso, rischieremo di “non gestirlo”, con conseguenze deleterie sia per i consumi che per la durata dell'impianto stesso. E' consigliabile sempre ed in ogni caso, avere a disposizione strumenti di regolazione e gestione dell'impianto che chiunque possa usare in modo semplice.

Ricapitolando:

L'impianto ideale è quello che in fase di realizzazione ha un costo proporzionato a quanto offre, deve garantire il massimo benessere, il costo di gestione per quanto riguarda i consumi deve essere modesto, dovrebbe avere una manutenzione minima o assente e infine, ma non per ultima, deve essere semplice nella gestione.

L'unica tipologia di impianto che garantisce una ottimizzazione di questi cinque fattori importanti è un sistema ad irraggiamento elettrico a basso consumo. E' un sistema che sfrutta l'irraggiamento e non la convezione come i tradizionali impianti, per il riscaldamento dell'ambiente, ormai venduto in Europa da moltissimi anni.

Stiamo parlando di varie tipologie di prodotti che sfruttano l'irraggiamento e l'energia elettrica come energia termica. Vi sono dai sistemi di riscaldamento sotto pavimento (pannelli radianti) a pannelli da appendere alle pareti, fino a sistemi industriali, tutti contraddistinti dai concetti fondamentali di cui sopra.

Sistemi di riscaldamento alternativi, eliminare il contatore gas metano, diminuire i consumi della metà, tagliare i costi di riscaldamento, studi termografici, riscaldamento casa, climatizzazione casa, riscaldamento ufficio, climatizzazione ufficio, sistemi di riscaldamento economici, sistemi di riscaldamento domestico, sistemi di riscaldamento elettrico, sistemi di riscaldamento innovativi, sistemi di riscaldamento a pavimento,

Sistemi di riscaldamento alternativi, eliminare il contatore gas metano, diminuire i consumi della metà, tagliare i costi di riscaldamento, studi termografici, riscaldamento casa, climatizzazione casa, riscaldamento ufficio, climatizzazione ufficio, sistemi di riscaldamento economici, sistemi di riscaldamento domestico, sistemi di riscaldamento elettrico, sistemi di riscaldamento innovativi, sistemi di riscaldamento a pavimento,

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post